STUDIO TERMOTECNICO
ZERO ENERGIA
COMFORT E RISPARMIO ENERGETICO

Le principali prestazioni

Ciò che ci contraddistingue
Vai a PROGETTAZIONE DEL COMFORT

PROGETTAZIONE DEL COMFORT

Prioritariamente progettiamo il comfort. Otteniamo il risparmio energetico ed economico.

Vai a PROGETTAZIONE IMPIANTISTICA

PROGETTAZIONE IMPIANTISTICA

Da anni ideiamo impianti su misura dell’edificio in cui sono installati ed in base al tipo di utilizzo richiesto dall’occupante.

Vai a PROGETTAZIONE DELL’INVOLUCRO

PROGETTAZIONE DELL’INVOLUCRO

E’ bene ricordare che è l’impianto progettato su misura dell’involucro, e non viceversa. Pertanto è di fondamentale importanza studiare un involucro che richieda un impianto più semplice possibile senza alcun compromesso di comfort.

Vai a STUDI DI CONVENIENZA

STUDI DI CONVENIENZA

E’ bene progettare avendo ben chiare quali saranno le spese dell’intervento. Ma ancora più importante è conoscere il tempo di rientro economico, ovvero in quanti anni di risparmio comportano la copertura della spesa dell’investimento.

Stai pensando di ristrutturare casa o di costruirne una nuova?
Contattami e ti spiegherò il mio modo di operare.

Chiedete una PassivHaus,
non una classe A

Massima salubrità, comfort e risparmio.
Cosa si intende per PassivHaus

Lo standard Passivhaus nasce nel maggio 1988 da una collaborazione tra Bo Adamson dell’Università di Lund in Svezia e Wolfgang Feist dell’Institut für Umwelt und Wohnen (Istituto per l’Ambiente e l’Edilizia) in Germania. Il Passivhaus Institut è stato fondato nel settembre 1996 a Darmstadt per promuovere e controllare lo standard. Da allora sono state costruiti migliaia di edifici Passivhaus, fino a superare le 25.000 unità nel 2010, ma si presume che il numero si attesti intorno alle 40.000 unità. La maggior parte si trova in Germania ed Austria, ma ne sono state realizzate svariate in altri Paesi del mondo e anche in Italia il numero è in aumento. Quali sono le caratteristiche di una Passivhaus Una Passivhaus è un edificio che deve rispettare determinati criteri, fra cui il fabbisogno termico per riscaldamento ed il fabbisogno frigorifero per raffrescamento che devono rimanere al di sotto di 15 kWh/m2 anno, il fabbisogno di energia primaria deve essere minore di 120 kWh/m2 anno ed il valore n50 deve risultare in opera minore di 0.6 h-1. Queste prestazioni si ottengono con una progettazione molto attenta, specie nei riguardi del sole, con l’adozione di isolamento termico ad altissime prestazioni su murature perimetrali, tetto e superfici vetrate e mediante l’adozione di sistemi di ventilazione controllata a recupero energetico. Ecco i 5 punti fondamentali richiesti dallo standard Passivhaus: - Ottima protezione termica di tutti gli elementi costruttivi dell’involucro termico dal pavimento alle pareti esterne fino al tetto; - Finestre e portafinestre con doppi/tripli vetri basso emissivi con un elevato valore di fattore solare g e telai molto ben coibentati; accurata progettazione e controllo degli apporti solari passivi progettando accuratamente le superfici finestrate, eventualmente differenziate per ogni lato dell’edificio, garantendo al contempo assenza di surriscaldamento estivo; - Esecuzione a regola d’arte della protezione termica fino ai minimi dettagli con riduzione al minimo di tutti i ponti termici; - Tenuta all’aria degli elementi costruttivi esterni verificata mediante test di pressione Blower Door; - Ventilazione controllata con recupero di calore particolarmente efficiente per evitare dispersioni di calore e garantire al contempo un’idonea qualità di aria interna.

  • Standard massimi di salubrità degli ambienti, del comfort indoor e del risparmio energetico, superiore fino al 90% rispetto al consumo medio di un edificio esistente.

  • Sono state già costruite moltissime Passivhaus con prezzi allineati a quelli degli edifici tradizionali realizzati in conformità agli standard edilizi vigenti. Come regola generale, tuttavia, è ragionevole considerare costi addizionali compresi fra il 3% e l’8%.

  • Salubrità e risparmio. Le Passivhaus possiedono un sistema di ventilazione con recupero di calore ad alta efficienza che estrae direttamente l’aria esausta. Il calore contenuto all’interno di quest’aria è sfruttato per riscaldare l’aria di rinnovo proveniente dall’esterno garantendo un risparmio di energia compreso tra il 75% ed il 90%.

  • Oggi, sempre più persone stanno diventando consapevoli dei vantaggi che lo standard PassivHaus offre. Com'è ormai evidente, questo settore edile diventerà nel prossimo futuro sempre più importante per le imprese edili, per gli inquilini e per tutte le altre tipologie di utenti degli edifici.

Team Replan

Ognuno dei componenti del nostro Team è un riconosciuto esperto del proprio settore di competenza per il quale può vantare una formazione ed un'esperienza di primo livello. ll lavoro in Team permette di moltiplicare queste conoscenze intrecciandole tra di loro, creando una nuova trama comune, così che si completino e ci permettano di fornire una prestazione originale, ampia e professionale. Scegli di affidarti a noi, troverai dei professionisti determinati a condurre assieme te un cammino sinergico, indirizzato verso un orizzonte diverso a quello proposto dalla progettazione seriale che ha contraddistinto tristemente l’ultima metà del secolo, per proporre uno sguardo nuovo, riflessivo e dinamico, innovativo e ricco di attenzioni ritrovate.

Dal 1° luglio 2017 è obbligatoria
la contabilizzazione del calore negli
impianti centralizzati.

Ultime notizie

News dal mondo del risparmio eneregtico